Tecniche

Diventare make up artist in Italia: i consigli dell’insegnante Valentina Claudio

istruttrice mud valentina claudio

È arrivato il momento di conoscere più da vicino un altro istruttore di MUD Studio Italia, sei curiosa di scoprire di chi si tratta?

Oggi è il turno della nostra istruttrice Valentina Claudio, le abbiamo chiesto che cosa significa per lei il lavoro di make up artist. Leggere le parole dei professionisti che lavorano in questo mondo è un’occasione unica per te che vuoi intraprendere questa bellissima carriera, per capire davvero in cosa consiste il lavoro di make up artist e quali caratteristiche non possono proprio mancare per poter lavorare in questo mondo.

Leggi la nostra intervista a Valentina e lasciati ispirare dalla sua storia!

– Cosa ti ha spinto a diventare una make up artist?

Ho sempre amato disegnare, dipingere e scolpire: sono le azioni in cui mi sento più a mio agio e posso esprimere me stessa senza limitazioni. Volevo che anche le persone intorno a me potessero provare questa sensazione di sentirsi bene con se stessi: truccare permette proprio di trasmettere sicurezza e positività. Conosciamo tutti molto bene quella sensazione di guardarsi allo specchio e piacersi… qualsiasi situazione si affronta meglio! Pochi lavori permettono di creare un valore così grande in così poco tempo!

– Qual è la cosa più interessante del tuo lavoro?

È sicuramente la mancanza di routine! È impossibile annoiarsi: un giorno era stato particolarmente divertente truccare una sposa al mattino per poi andare in laboratorio al pomeriggio a creare manichini per un film in cui servivano riproduzioni di cadaveri!

– Il lavoro di cui vai più orgogliosa?

Il mio primo personaggio completo per una gara di effetti speciali: avevo creato delle protesi in silicone (disegno, scultura, stampo, realizzazione della protesi, colorazione…), ideato e cucito il costume e realizzato delle mani in lattice con dita superlunghe e “meccanizzate”!

– Qual è la caratteristica più importante che deve avere un bravo make up artist?

La versatilità! È davvero essenziale essere pronti ad affrontare qualsiasi situazione e mantenere il più alto livello di professionalità possibile! Sei sempre il primo ad arrivare e l’ultimo ad andare via, sei un artista ma anche tuttofare, psicologo, costumista, parrucchiere, una sorta di Mary Poppins… Le richieste sono varie e sempre diverse ma il tuo lavoro influisce sulla performance della persona che stai truccando quindi essere sul pezzo è fondamentale!

– Qual è il trend beauty che trovi più interessante?

L’ “art and craft” trend, ovvero quello in cui si utilizzano tecniche pittoriche (come ad esempio colore pieno e pennellate) nel make up, ripreso da tantissimi make up artist e hairstylist sia per piccoli dettagli sia per il look completo!

– Cosa non devono mai dimenticare gli allievi del tuo insegnamento?

Less is more! Sia nelle applicazioni del trucco sia nella vita: essere freelance a volte ti porta a voler lavorare sempre di più e di più e di più… soprattutto quando il lavoro che fai ti piace talmente tanto che non sembra di lavorare mai! Ma non è così, less (ma curato e pensato nei giorni prima del lavoro) is more!

– Qual è il segreto per comunicare al meglio la tua esperienza agli aspiranti make up artist?

Ho iniziato il mio percorso alla MUD, quindi ho vissuto precisamente la stessa loro esperienza: questo mi permette di creare un legame empatico che facilita la comunicazione soprattutto degli aspetti meno teorici di essere un truccatore.

Se anche tu vuoi entrare a far parte del mondo del make up professionale come Valentina Claudio, scopri sul sito MUD tutta l’offerta dei corsi disponibili e scegli la formula più adatta a te!